Domenica, 02 Agosto 2015 16:57

La storia del Chisola Calcio

Scritto da 
Il direttore generale Gigi Calcia e il direttore sportivo del Settore giovanile Vincenzo Scalia Il direttore generale Gigi Calcia e il direttore sportivo del Settore giovanile Vincenzo Scalia

LA NASCITA E IL LOGO
L’Associazione Sportiva Dilettantistica CHISOLA CALCIO è nata nel 1998 dalla fusione di tre società: A.S. Candiolo, A.S. Piobesi e U.S. Vinovo.
La storia e la geografia del Chisola Calcio sono rappresentate nello stemma societario, di forma triangolare. Il logo raffigura il torrente Chisola, affluente di sinistra del fiume Po, e i rilievi montuosi (monte Freidour e monte Tre Denti) da cui nasce; il torrente Chisola attraversa e unisce i comuni di Vinovo, dove ha sede legale la società sportiva, Candiolo e Piobesi. Ai due angoli della figura le lettere P (Piobesi) e V (Vinovo) indicano i comuni dove erano ubicati i primi campi di gioco; il pallone da calcio riporta ovviamente all’attività istituzionale della società.

GLI OBIETTIVI INIZIALI
Educare attraverso il gioco del calcio, educare al gioco del calcio. Il Chisola Calcio è un’associazione sportiva dilettantistica, come tale si propone di operare con questo duplice intento. Lo sport è uno straordinario mezzo di socialità, di educazione al rispetto delle regole e dell’avversario, di sviluppo sano e completo a livello sia fisico che mentale. I valori educativi dello sport sono da sempre una bandiera del Chisola calcio, che però non si limita a fare del “sociale”: qui si impara a giocare a calcio. 
Una struttura professionale di dirigenti, allenatori, istruttori e preparatori è a disposizione dei tesserati, ormai più di 500 nelle categorie dai Piccoli amici agli Esordienti nella Scuola calcio, dai Giovanissimi fascia B agli Allievi nel Settore giovanile, nella Juniores e nella Prima squadra, che milita nel campionato di Promozione.

I PRESIDENTI E GLI ALTRI DIRIGENTI
Dino Marola, primo presidente della società, è rimasto in carica fino alla 2011/2012, ancora oggi è presidente onorario della società. Marola, ai tempi della fusione, era espressione del Vinovo: insieme a lui, gli artefici della nascita del Chisola calcio sono stati Adriano Marengo (Piobesi, vicepresidente della nuova società) e Luciano Prelato (Candiolo). Del Chisola appena nato facevano già parte Gigi Calcia come direttore sportivo – adesso è direttore generale – e Franco Mercuri, ancora adesso insostituibile in segreteria (per una decina d’anno al suo fianco Roberto Ramacogi, poi passato alla Pro Settimo Eureka e quindi direttore generale al Caselle); il direttore generale era Vittorio Ferrino, oggi direttore dello Juventus Center di Vinovo. Per tanti anni, il “main sponsor” è stato Valentino Busso.
Altri “uomini di calcio” cresciuti nel Chisola sono i direttori sportivi Alberto Gusella, responsabile del Settore giovanile della Pro Vercelli e organizzatore del torneo internazionale “Memorial Stefano Gusella”, e Rosario Amendola, viceallenatore di Antonio Cabrini nella Nazionale Femminile.
Dal settembre 2012, il nuovo presidente del Chisola Calcio è Luca Atzori Marongiu. L’attuale struttura societaria vede i vicepresidenti Antonio Caruzzo e Pierluigi Pairetto, il direttore generale Gigi Calcia, in segreteria Franco Mercuri, Monica Salvadore e Marilena Messina; dirigenti di campo il direttore sportivo del Settore dilettanti Francesco Sellitti, i due direttori sportivi del Settore giovanile Vincenzo Scalia e Segio Fantino, i responsabili della Scuola calcio Giorgio Tallone e Fabio Cascioli.

GLI IMPIANTI SPORTIVI
Oltre alla “storica” sede di Vinovo, che vanta un campo in erba naturale tra i più belli del Piemonte (tanto da ospitare alcune squadre giovanili della Juventus), il Chisola calcio si è allargato a Torino, nell’impianto sportivo di strada delle Cacce, per avere a disposizione un campo in erba sintetica e facilitare la logistica dei giocatori. 
Originariamente, gli impianti sportivi erano tre: Vinovo, dove c’è la sede sociale; Candiolo, dismesso nel 2011; e Piobesi, lasciato nel 2013. In mezzo, solo per la stagione 2012/2013 il Chisola ha utilizzato gli impianti sportivi di viale Kennedy a Nichelino 2012, mentre dai 2013 è stabilmente all’Atletico Gabetto, grazie all’accordo di collaborazione stipulato con il presidente Luciano Ferramosca.

IL CHISOLA OGGI, UNA REALTA’ AFFERMATA
Più di 500 atleti tesserati e quasi 100 dirigenti societari, 8 titoli regionali e 3 SuperOscar in bacheca. Ancora “minorenne” come anzianità di affiliazione, la società del Chisola calcio è – senza falsa presunzione – tra le più solide realtà del panorama calcistico piemontese, almeno a livello dilettantistico, in particolare è la società di riferimento per quanto riguarda il Settore giovanile. 
Tantissimi giocatori, allenatori e dirigenti cresciuti e valorizzati nel Chisola sono ormai approdati al professionismo, visti i rapporti di stretta collaborazione con Juventus e Pro Vercelli, ma anche con Torino, Novara, Cuneo e Alessandria. Il Chisola forma giovani uomini e giovani calciatori, grazie alla professionalità del proprio staff tecnico e delle proprie strutture. Non solo, tra le squadre che si giocano il titolo regionale, in un modo o nell’altro quelle del Chisola ci sono sempre, tanto che crea scalpore quando un gruppo non vince il proprio campionato. Il segreto? I successi dell’anno precedente non sono mai un punto di arrivo, ma una base per migliorarsi ulteriormente.

Ultima modifica il Venerdì, 25 Settembre 2015 10:57